“Approvate il testo della legge costituzionale concernente “disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione” approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016?”

E’ questo il quesito che si ritroveranno gli italiani sulla scheda elettorale presente nelle urne dei seggi per il Referendum Costituzionale di oggi 4 dicembre 2016. Si vota fino alle 23 per decidere la sorte della riforma costituzionale. Il corpo elettorale, ripartito nei 7.998 Comuni e nelle 61.551 sezioni elettorali del territorio nazionale, è pari a 46.714.950 elettori, di cui 22.465.280 uomini e 24.249.670 donne. Non c’è quorum, dal momento che si tratta di una consultazione costituzionale e non di un referendum abrogativo. Dato importante risulterà comunque quello dell’affluenza, così come l’esito del voto all’estero che potrebbe rivelarsi decisivo in caso di risultato in bilico. I 1500 seggi per lo spoglio delle schede degli italiani all’estero sono stati insediati a Castelnuovo di Porto, vicino a Roma. Sono 3 milioni 995mila 042 gli italiani all’estero aventi diritto di voto, 2 milioni 077mila 455 uomini e 1 milione 917mila 587 donne.

schermata-2016-12-04-alle-10-11-49

schermata-2016-12-04-alle-10-11-43